Il social media marketing è un avvenimento destinato a crescere sempre di più. Se la “promozione dei propri affari” non passa “sotto” questo fenomeno, rischiamo di perdere gran parte del mercato, visto che i probabili clienti, passano gran parte del loro tempo on line e sui maggiori social network: Twitter, Facebook, Pinterest, Instagram, Google + , giusto per citarne qualcuno.

I canali pubblicitari sono sempre di più “social”: un post o un link e l’azienda accoglie virtualmente il cliente. Per fare in modo che quest’ultimo possa diventare effettivo cliente, è necessario cogliere la sua attenzione con un sito o una pagina “social” aggiornati, seguiti da una grafica accattivante, contenuti validi ed un servizio clienti di qualità.

1: Costruire una buona campagna e metterla in atto

Il marketing non si occupa soltanto della “promozione” di un prodotto o di un servizio, ma è anche pianificare una buona strategia da adottare e dei traguardi da raggiungere. Senza un buon piano , i contenuti del messaggio da lanciare, non verranno presi in considerazione o presto dimenticati.

Una volta ottimizzata la nostra strategia, bisogna potenziarla, attraverso qualche semplice passaggio:

  • stabilire una cifra di comunicazioni da inserire (post/tweet/etc.) al giorno
  • stilare un “editorial calendar” (calendario di pubblicazione), diviso in base ai social su cui si ha un profilo;
  • studio dei competitor, controllando il numero di post/ che effettua la nostra concorrenza;
  • stabilire un elenco dei propri collaboratori, con i quali lavorare collaborare insieme per mettere in atto la nostra strategia,

2: Ogni profilo è separato dall’altro

Ogni profilo deve essere usato separatamente dall’altro.

Un contenuto pero,  può essere diffuso su diversi profili, ma deve essere comunicato allo stesso modo perchè è differente la clientela, per interessi o per una diversa collocazione geografica.

3: la cura da dare al cliente

Il successo di un canale, sito o social network, è frutto anche dal tipo di trattamento che l’azienda rivolge alla clientela. La mancata comunicazione con i propri clienti, li spinge verso la concorrenza, alla ricerca di risposte alle proprie domande.

Possiamo aumentare la fiducia dei nostri follower con:

  1. Controllare tutti canale “social” ed assegnare un primo responder ad eventuali post.
  2. Creare un elenco delle segnalazioni, dei problemi tecnici, dei reclami e la relativa procedura di gestione delle controversie.
  3. Essere creativi, utilizzare degli omaggi, pubblicare post simpatici per catturare l’attenzione ed accattivare i propri followers, che potranno diventare a loro volta promoter del brand dell’azienda.
  4. Non trascurare alcuna comunicazione da parte degli utenti.

 4: Accettare gli incidenti di percorso

Qualche errore, nel corso della campagna di comunicazione, è inevitabile.

Quando si scrive messaggio sbagliato, non bisogna reagire eliminandolo, ma far presente l’errore. I followers ne apprezzeranno l’onestà, la consapevolezza e la professionalità.

Strategia # 5: Track & Talk

Il controllo dei social è importante per tutte le statistiche utili e necessare del tuo business.

E’ preferibile effettuarlo ogni inizio del mese, controllando:

  • il numero di visite al proprio profilo,
  • il numero dei post,
  • la crescita del followers,
  • le pagine e i post condivisi,
  • i likes,
  • il numero di visualizzazioni.

6 : usare frequentemente su Google +

Google +viene visto come una copia di Facebook, ma, contrariamente, ha potenzialità più numerose per la promozione dei propri affari. Su questa piattaforma si possono inserire tutte le informazioni sulla tua azienda. Il vantaggio più grande è sicuramente la posizione dominante di Google nei risultati di ricerca.

Non resta altro, quindi, che scegliere il “social” più adatto al proprio business, in base la target da raggiungere:

  • Pinterest o Instagram, indirizzati maggiormente ad una comunicazione visiva, caratterizzati dalla pubblicazione di immagini, foto e video;
  • Linkedin, impiegato principalmente per lo sviluppo di contatti professionali;
  • Twitter, un social network nella veste di micro-blog, dove, tramite messaggi di testo di massimo 140 caratteri, è possibile aggiornare la propria pagina personale o aziendale;
  • Facebook, probabilmente il “social” più conosciuto, utile, nonostante sia indirizzato all’incontro dei profili personali, alla promozione della propria azienda usufruendo delle “fan page”, dove è possibile pubblicare tutto ciò che riconduce al tuo business (attività, foto, messaggi, video).